Perché (e per chi) questo blog - RiEquiLibrarsi

Ricaricarsi Evolversi Liberare  

il potenziale umano


Perché (e per chi) questo blog


RiEquiLibrarsi è un blog per diffondere la conoscenza di Risorse, Esperienze e Libri per vivere meglio, migliorare se stessi e il mondo.

Qui potrai trovare letture utili e storie di cambiamento, coraggio e sogni realizzati.

RiEquiLibrarsi è un blog nato (guarda caso, durante una pandemia!) per una sorta di “effetto contagio”, inteso come quel fenomeno che ci spinge a voler condividere con il mondo intero ciò che si è rivelato davvero utile nella nostra vita, aiutandoci ad esempio a superare un momento difficile o a capire cosa si vuole veramente dalla vita e come reinventarsi, oppure a scoprire come intervenire sui meccanismi alla base di un problema ritenuto irrisolvibile, o anche soltanto offrendoci spunti di riflessione insoliti e nuove prospettive.

Infatti, essendo un’avida lettrice, con l’anima di una ricercatrice che ama esplorare e approfondire gli argomenti più disparati, mi è capitato troppe volte di leggere, studiare o sperimentare qualcosa che mi ha portato a pensare: “Cavolo, ma questo dovrebbero saperlo / provarlo tutti!!! Perché non si insegna / sperimenta nelle scuole?”

La prima volta mi è successo nel 2005, quando, partecipando a un corso di comunicazione ambientale, mi sono tristemente resa conto che, in più di 20 anni di scuola, dall'asilo all'università, nessuno mi aveva mai parlato di uno dei più gravi problemi del 21° secolo, quello dei cambiamenti climatici, né di come e quanto le attività umane possano contribuire non solo ad aggravarlo, ma anche a risolverlo.

All'epoca Greta Thunberg aveva appena 2-3 anni e la coscienza ambientale della gente non era certo sviluppata come oggi, anche perché le conseguenze di una sfida globale così grande sembravano lontane e non si potevano ancora toccare con mano, come è invece successo un po’ ovunque in questi ultimi anni.

Poi per fortuna, forse anche a seguito del grande successo che ebbe nel 2006 il film-documentario “Una scomoda verità” di Al Gore, si iniziò a sentir parlare un po’ di più del riscaldamento globale e anch'io mi sentii in dovere di cominciare a diffondere le conoscenze scientifiche che stavo acquisendo al riguardo, per cercare di stimolare, almeno intorno a me, una maggiore consapevolezza delle conseguenze che il nostro modo di vivere produce sull'ambiente e sul clima.

Nel 2007 proposi quindi al mio Comune un bellissimo progetto sui cambiamenti climatici da svolgere alle Scuole Medie, cui ne seguirono altri negli anni successivi, sulla raccolta differenziata, sul compostaggio, sulle energie rinnovabili: quando ci ripenso quasi mi commuovo, tanto era allora l’entusiasmo con cui prima immaginavo e poi realizzavo questo tipo di percorsi di educazione ambientale rivolti ai ragazzini!

E quando poi, quasi 10 anni dopo, ho iniziato ad inserire alcune delle mie letture utili nelle lezioni di Fisica che svolgevo al Liceo, mi sono resa conto di quanto per me fosse emozionante e gratificante cimentarmi con un nuovo tipo di divulgazione​, che unisce scienza e psicologia, passando per la coscienza, trasformandosi quindi in quella che a me piace definire “PsiCoScienza”.

In tali occasioni gli alunni erano molto più attenti e interessati rispetto alle mie solite lezioni, forse perché riuscivo a tramettere qualcosa che aveva permesso, prima di tutto a me (e poi magari anche a loro) di aprire la mente, vedere le cose da un altro punto di vista, prendere ispirazione da storie di vita reale, o anche solo stare bene per qualche manciata di minuti.

Forse perché lo facevo con passione e parlavo ai ragazzi dal mio cuore, non solo dalla mente.

E la passione e l’amore si sentono sempre quando ci sono.

E mentre alcuni alunni mi ringraziavano a ricreazione, altri raccontavano la lezione ai propri genitori, sorprendendoli con la richiesta di un libro, che loro erano ben lieti di acquistare pur di farli finalmente iniziare a leggere qualcosa​, come mi raccontavano entusiasti ai successivi colloqui.

E allora il cerchio si chiudeva con io che mi sentivo di nuovo emozionata!

Cosa può desiderare di più una prof? Più di esser felice lei, facendo al contempo felici i propri alunni e i loro genitori?

Perché quindi non provare a replicare quelle insolite esperienze di divulgazione di Riflessioni, Emozioni e Letture tramite un mezzo diverso e con una platea più ampia?

Senza salire in cattedra, però.

Semplicemente creando un angolino dove accogliere vecchi e nuovi amici utilizzando la potenza del web in maniera costruttiva e proattiva, un luogo virtuale che possa essere una sorta di “amplificatore di messaggi positivi e utili”, molti dei quali già disponibili a bizzeffe sia nei libri che in mille altri tipi di risorse più o meno “moderne”, come i video, gli audio, i blog, i Ted Talks, i podcast, le poesie, i film, le canzoni ecc.

Perché non contribuire a renderli virali, più del Coronavirus, con un blog diverso dal solito​?

Un blog che metta al centro alcuni dei valori più belli della nostra umanità:

  • la condivisione al posto della competizione
  • l’unione anziché la divisione
  • la curiosità piuttosto che il pettegolezzo
  • la profondità invece della superficialità
  • la conoscenza al posto dell’informazione
  • l’equilibrio anziché la disarmonia
  • l'autenticità al posto della finzione
  • la lentezza piuttosto che la fretta
  • la passione invece che il senso del dovere
  • le storie che sarebbe stato bello studiare a scuola​ al posto di programmi didattici triti e ritriti, noiosi e spesso anche poco utili nella vita quotidiana.

Un blog che, pur richiedendo calma e tempo ai propri lettori per completare la lettura di articoli talvolta lunghi, si sposa bene anche con le esigenze di chi vuole andare subito al nucleo dei libri e per i propri acquisti preferisce affidarsi alle parole degli autori​, piuttosto che alle impressioni personali o ai riassunti di recensori più o meno noti.

Qui è infatti possibile scegliere quali libri acquistare assaporando direttamente le parole degli scrittori, tramite estratti e assaggi dei loro testi, che vengono analizzati e confrontati in un modo nuovo, che non ha nulla a che vedere con le solite recensioni, ma che intende cogliere e distillare l’essenza dei messaggi degli autori.

Ecco cosa distingue questo blog dagli altri.

Ecco perché RiEquiLibrarsi è il blog per chi vuole Ricaricarsi, Evolversi e Liberare il potenziale umano (proprio o dei propri figli) per vivere meglio, risparmiando tempo e denaro.

Facciamo sbocciare la nostra amicizia? 

Iscriviti alla newsletter e ai canali social per ricevere aggiornamenti da RiEquiLibrarsi
sempre nel RISPETTO della TUA privacy e del TUO tempo prezioso!
Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali e accetti la nostra Privacy Policy